Tutta la vita a ritmo di emozioni

Un famoso dipinto di Matisse ritrae l’uomo in volo nello spazio. Il suo corpo è indefinito, tutto dipinto di nero, ma al centro ha un puntino rosso: il cuore! Senza il cuore l’uomo non può vivere perché il cuore è il suo motore. Non a caso per molti filosofi, artisti, pensatori, il cuore è il centro della persona.

Quel piccolo puntino rosso fa la differenza.

Cogli il battito

 

Il cuore ha in sé un ritmo che è regolare, lo sentiamo perfino poggiandoci una mano sul petto, ma alcune volte cambia! Le emozioni possono far accelerare i battiti cardiaci. (Così come l’allenamento sportivo può farlo rallentare, perché un cuore allenato non ha bisogno di aumentare il suo ritmo per mandare in circolo l’ossigeno).

Le emozioni sono, in un certo senso, la modulazione dei nostri battiti cardiaci. Sono il grande direttore d’orchestra del nostro cuore che fa aumentare o diminuire i suoi battiti.

Sentire la voce della persona che amiamo ci fa battere il cuore a mille! Mentre in quelle giornate che non faremmo nulla, che non abbiamo voglia, quasi dobbiamo ricordare al nostro cuore di battere!

Un buon allenamento fisico migliora il nostro ritmo cardiaco così come conoscere le emozioni che viviamo migliora le nostre relazioni, prima di tutto quella con noi stessi. Così tutto avviene, è questione di sangue che va in circolo, di un meccanismo che funziona da secoli allo stesso modo… ma non finisce tutto qui. Sistole e diastole non bastano a descrivere un innamoramento, come un elettrocardiogramma non è sufficiente a contenere tutte le sfumature delle nostre arrabbiature.

Le emozioni nascondono un mondo ancora più grande, grande come noi, anzi di più!

Ogni emozione racchiude un perché tutto da scoprire.

Prova ad “ascoltare” le tue emozioni, lasciandoti accompagnare dal ritmo di una canzone che la richiama…

 

 

Chiave della SORPRESA

A ritmo di Meraviglia (o sorpresa?)

https://www.youtube.com/watch?v=Gi0QL20jc20

 

Se le emozioni sono la modulazione dei nostri battiti cardiaci, il battito della meraviglia è quello della tachicardia sinusale.

C’è tachicardia quando i battiti del cuore aumentano. Quella sinusale è positiva perché i battiti si ravvicinano ma la forma dell’onda dell’elettrocardiogramma rimane la stessa. Così scopri che sei vivo: quando il tuo cuore chiede attenzione perché c’è qualcosa che l’ha colpito e allora batte più forte.

Potrebbe essere “amore”, per cui la meraviglia compare in carne ed ossa davanti a te: ha gli occhi, le mani, le sembianze della persona più bella che tu abbia mai visto.

Oppure quando per la prima volta hai giocato con un’onda del mare. Forse non lo ricordi ma è uno spettacolo unico. La tachicardia e la meraviglia fanno tornare bambini nel tempo in cui tutto è novità… Dio ha scelto di parlare all’uomo così!

 

A ritmo di Tristezza

https://www.youtube.com/watch?v=FVRwz9kSZWs

 

Ogni persona conosce la tristezza di alcuni giorni grigi, quando niente sembra buono. La tristezza è un’asistolia, un’assenza di battiti cardiaci. Tutto rallenta senza nemmeno accorgercene, anche noi. Perfino la voglia di piangere a volte scompare, si è quasi morti.

La tristezza è una notte senza stelle, una canzone che non trova le note, è un cielo coperto da nuvole che non fanno passare i raggi del sole.

Somiglia al peccato, perché ci isola dall’amore. Ci prende tutti e ci rinchiude in un sepolcro con una pesante pietra da spostare che solo in pochi hanno la forza di togliere. Ecco che però, poco a poco, arrivano parole che riscaldano, potenti.

Sulla nostra ipotermia viene gettata una calda coperta che ci avvolge. Succede quando arrivano gli amici veri che ci ricordano (cioè dicono al nostro cuore) che non siamo soli. Hanno l’effetto di uno scossone del defibrillatore che è in grado di far ripartire il motore.

Il cuore aumenta di un battito, poi due, tre… torna regolare. Il più grande gesto di amicizia nei nostri confronti l’ha fatto Dio, che si è fatto come noi per non lasciarci soli nel nostro peccato.
Ci ha liberati dalla morte, che poi è la stessa cosa.

 

 

Testi dai Campi di SE VUOI 2/2015: “È bello con Te!

Le “chiavi delle emozioni” sono disponibili come segnalibri sagomati nell’area dei Sussidi Vocazionali